IndicePortaleFAQCercaRegistratiAccedi

Condividi | 
 

 Gestione dei capricci

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Gestione dei capricci   Gio Mag 24, 2012 10:55 am

Ieri al nido abbiamo avuto una conferenza (più che una conferenza a me è sembrato un pollaio dove ognuno diceva ala sua cac@ta ma vabbè...)

La pedegigista però delle cose intelligenti le ha dette (intervallate da queste mamme assurde che continuavano solo a chiedere del proprio figlio e di cosa fare in situazioni in cui per me erano le soluzioni lampanti solo loro non le vedevano... -dopo vi faccio un esempio)

Il sunto è questo, ve lo lascio così ci meditate...

Qualunque sgridata, punizione, castigo, sculacciata vogliamo infliggere (che brutto verbo...) ai nostri bambini, nel momento in cui per loro è UMILIANTE, non è MAI educativa.

Nel momento del capriccio, invece di pensare a noi stesse, al nervoso che proviamo, dovremmo immedesimarci in loro e chiederci: Di cosa ha bisogno mio figlio in questo momento?
Quindi non ai pensieri negativi (io ho cucinato due ore per lui e l'ingrato si butta a terra e dice che gli fa schifo) ma pensieri positivi (forse è inappetente, forse è stanco)



Torna in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Gestione dei capricci   Gio Mag 24, 2012 10:58 am

Ah mi sono dimenticato l'esempio...

Una mamma dopo aver professato che lei e suo marito crescono il figlio solo con l'amore, ha chiesto aiuto alla pedagogista perchè la sera dopo che lui ha mangiato (2 anni e 4 mesi) lo mettono davanti ai cartoni e dopo un'ora, un'ora e mezza fa i capricci e non li vuole spegnere, oppure mentre loro mangiano lui va in cucina a fare la lagna e non li lascia mangiare tranquilli in pace...
Torna in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Gestione dei capricci   Gio Mag 24, 2012 11:19 am

ela ha scritto:
Ieri al nido abbiamo avuto una conferenza (più che una conferenza a me è sembrato un pollaio dove ognuno diceva ala sua cac@ta ma vabbè...)

La pedegigista però delle cose intelligenti le ha dette (intervallate da queste mamme assurde che continuavano solo a chiedere del proprio figlio e di cosa fare in situazioni in cui per me erano le soluzioni lampanti solo loro non le vedevano... -dopo vi faccio un esempio)

Il sunto è questo, ve lo lascio così ci meditate...

Qualunque sgridata, punizione, castigo, sculacciata vogliamo infliggere (che brutto verbo...) ai nostri bambini, nel momento in cui per loro è UMILIANTE, non è MAI educativa.

Nel momento del capriccio, invece di pensare a noi stesse, al nervoso che proviamo, dovremmo immedesimarci in loro e chiederci: Di cosa ha bisogno mio figlio in questo momento?
Quindi non ai pensieri negativi (io ho cucinato due ore per lui e l'ingrato si butta a terra e dice che gli fa schifo) ma pensieri positivi (forse è inappetente, forse è stanco)



questa cosa la sapevo... avevo letto un libro a riguardo...ed era anche il tema dei nostri incontri con gli psicologi al nido lo scorso anno

il problema è mettere in atto questa cosa...
comunque io ho riscontrato questo con celeste... se quando lei fa i capricci e parte per la tangente io insisto sul volerle far fare quello che voglio io, o non darle quello che vuole o anche solo ottenere da lei quello che le sto chiedendo, con minacce, linea dura, urli e strilli ecc ecc.. non serve proprio a niente.. entra in un circolo vizioso e non smette più. manco si ricorda perchè piangeva.
ho invece notato che se la prendo, la abbraccio forte, le do il ciuccio e e la coccolo, lei si calma in fretta e dopo riesco ad ottenere quello che voglio tranquillamente, come se avesse completamente rimosso il motivo per cui piangeva...
Torna in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Gestione dei capricci   Gio Mag 24, 2012 11:22 am

Tinky ha scritto:
il problema è mettere in atto questa cosa...
comunque io ho riscontrato questo con celeste... se quando lei fa i capricci e parte per la tangente io insisto sul volerle far fare quello che voglio io, o non darle quello che vuole o anche solo ottenere da lei quello che le sto chiedendo, con minacce, linea dura, urli e strilli ecc ecc.. non serve proprio a niente.. entra in un circolo vizioso e non smette più. manco si ricorda perchè piangeva.
ho invece notato che se la prendo, la abbraccio forte, le do il ciuccio e e la coccolo, lei si calma in fretta e dopo riesco ad ottenere quello che voglio tranquillamente, come se avesse completamente rimosso il motivo per cui piangeva...

Infatti quando fanno i capricci è quasi sempre per avere attenzioni... la coccola equivale a darle attenzioni perciò così risolvi perfettamente il bisogno di Celeste!
Torna in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Gestione dei capricci   Gio Mag 24, 2012 11:27 am

ela ha scritto:
Tinky ha scritto:
il problema è mettere in atto questa cosa...
comunque io ho riscontrato questo con celeste... se quando lei fa i capricci e parte per la tangente io insisto sul volerle far fare quello che voglio io, o non darle quello che vuole o anche solo ottenere da lei quello che le sto chiedendo, con minacce, linea dura, urli e strilli ecc ecc.. non serve proprio a niente.. entra in un circolo vizioso e non smette più. manco si ricorda perchè piangeva.
ho invece notato che se la prendo, la abbraccio forte, le do il ciuccio e e la coccolo, lei si calma in fretta e dopo riesco ad ottenere quello che voglio tranquillamente, come se avesse completamente rimosso il motivo per cui piangeva...

Infatti quando fanno i capricci è quasi sempre per avere attenzioni... la coccola equivale a darle attenzioni perciò così risolvi perfettamente il bisogno di Celeste!

e le faccio fare ciò che mi pare..
sembra una barzelletta, ma il rito nostro fino a un mese fa la mattina era: sveglia, divano, biberon con latte, poi 10 minuti di cartoni e quando andavo per spogliarla capricci a non finire... non si voleva svestire, non si voleva lavare.. io allora la lasciavo gridare quei 2 o 3 minuti e poi la abbracciavo, le davo il ciuccio la prendevo in braccio e lei si calmava, tempo 30 secondi e la vestivo e la lavavo di tutto punto sembra pura follia. poi di colpo, dopo 6 mesi così ha smesso e ora non lo fa più...
Torna in alto Andare in basso
patata

avatar

Messaggi : 1414
Data d'iscrizione : 09.07.10
Età : 41

MessaggioTitolo: Re: Gestione dei capricci   Gio Mag 24, 2012 11:31 am

ela ha scritto:
Ieri al nido abbiamo avuto una conferenza (più che una conferenza a me è sembrato un pollaio dove ognuno diceva ala sua cac@ta ma vabbè...)

La pedegigista però delle cose intelligenti le ha dette (intervallate da queste mamme assurde che continuavano solo a chiedere del proprio figlio e di cosa fare in situazioni in cui per me erano le soluzioni lampanti solo loro non le vedevano... -dopo vi faccio un esempio)

Il sunto è questo, ve lo lascio così ci meditate...

Qualunque sgridata, punizione, castigo, sculacciata vogliamo infliggere (che brutto verbo...) ai nostri bambini, nel momento in cui per loro è UMILIANTE, non è MAI educativa.

Nel momento del capriccio, invece di pensare a noi stesse, al nervoso che proviamo, dovremmo immedesimarci in loro e chiederci: Di cosa ha bisogno mio figlio in questo momento?
Quindi non ai pensieri negativi (io ho cucinato due ore per lui e l'ingrato si butta a terra e dice che gli fa schifo) ma pensieri positivi (forse è inappetente, forse è stanco)





Sicuro il capriccio è un richiamo d'attenzione ma poi ognuno deve comportarsi come si sente a seconda del momento
io non sono nè per la linea dura nè per la linea morbida in toto....anche perchè credo che aldilà dell'attenzione chiesta dal bambino, sia giusto considerare il contesto

non posso e non voglio pensare che sia sempre umiliante la sgridata
....come non voglio credere che il solo mezzo per ottenere la calma sia la coccola

insomma ci vuole sia"la carota che il bastone"dal mio pdv....perchè altrimenti si rischia lo sbrocco quotidiano oppure si rischia di essere schiacciate dai nanetti
al momento è un paio di settimane che per evitare di alzare troppo la voce ho adottato la tabella dei sorrisi o delle facce tristi...in modo che si ricordino richi e chiara visivamente com'è andata la giornata...ad oggi funziona, magari domani smetterà l'effetto novità....tutto sta a saper trovare il canale di comunicazione più adatto per i propri figli....
Torna in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Gestione dei capricci   Gio Mag 24, 2012 11:40 am

patata ha scritto:

non posso e non voglio pensare che sia sempre umiliante la sgridata
....come non voglio credere che il solo mezzo per ottenere la calma sia la coccola


insomma ci vuole sia"la carota che il bastone"dal mio pdv....perchè altrimenti si rischia lo sbrocco quotidiano oppure si rischia di essere schiacciate dai nanetti
al momento è un paio di settimane che per evitare di alzare troppo la voce ho adottato la tabella dei sorrisi o delle facce tristi...in modo che si ricordino richi e chiara visivamente com'è andata la giornata...ad oggi funziona, magari domani smetterà l'effetto novità....tutto sta a saper trovare il canale di comunicazione più adatto per i propri figli....

Mi sa che non hai capito il concetto della pedagogista...

Sia che si tratti di sgridata, che di sculacciata, che di allontanamento del bambino, che di coccola per sviare dal capriccio, che di punizione quello lo decidi tu... l'importante è che quello che hai deciso non sia umiliamte per lui, perchè questo non è sicuramente educativo.

Prendiamo il bambino che picchia un altro bambino... lo prendii, lo allontani, lo fai sedere in disparte e gli dici per esempio 'calmati un attimo, i bambini non si picchiano, siediti qui con me un minuto che vedrai che tra poco, passata l'arrabbiatura, riuscirete a giocare ancora insieme... Quando sei pronto ci riproviamo
E' diverso prendere il bambino con uno strattone, metterlo su una sedia e dirgli davanti a tutti ' adesso stai qui fermo perchè non sei capace di comportarti! E non soare muoverti finchè non lo dico io!

Nel primo caso gli dai fiducia e riempi il suo serbatoio d'amore, nel secondo caso lo umili e svuoti il suo serbatoio d'amore.
Torna in alto Andare in basso
patata

avatar

Messaggi : 1414
Data d'iscrizione : 09.07.10
Età : 41

MessaggioTitolo: Re: Gestione dei capricci   Gio Mag 24, 2012 11:50 am

ela ha scritto:
patata ha scritto:

non posso e non voglio pensare che sia sempre umiliante la sgridata
....come non voglio credere che il solo mezzo per ottenere la calma sia la coccola


insomma ci vuole sia"la carota che il bastone"dal mio pdv....perchè altrimenti si rischia lo sbrocco quotidiano oppure si rischia di essere schiacciate dai nanetti
al momento è un paio di settimane che per evitare di alzare troppo la voce ho adottato la tabella dei sorrisi o delle facce tristi...in modo che si ricordino richi e chiara visivamente com'è andata la giornata...ad oggi funziona, magari domani smetterà l'effetto novità....tutto sta a saper trovare il canale di comunicazione più adatto per i propri figli....

Mi sa che non hai capito il concetto della pedagogista...

Sia che si tratti di sgridata, che di sculacciata, che di allontanamento del bambino, che di coccola per sviare dal capriccio, che di punizione quello lo decidi tu... l'importante è che quello che hai deciso non sia umiliamte per lui, perchè questo non è sicuramente educativo.

Prendiamo il bambino che picchia un altro bambino... lo prendii, lo allontani, lo fai sedere in disparte e gli dici per esempio 'calmati un attimo, i bambini non si picchiano, siediti qui con me un minuto che vedrai che tra poco, passata l'arrabbiatura, riuscirete a giocare ancora insieme... Quando sei pronto ci riproviamo
E' diverso prendere il bambino con uno strattone, metterlo su una sedia e dirgli davanti a tutti ' adesso stai qui fermo perchè non sei capace di comportarti! E non soare muoverti finchè non lo dico io!

Nel primo caso gli dai fiducia e riempi il suo serbatoio d'amore, nel secondo caso lo umili e svuoti il suo serbatoio d'amore.

no ela non sono d'accordo con te....perchè in questo sulla mia pelle ho visto che non sempre è sufficiente riempire il serbatoio d'amore per gestire il capriccio
non umili tuo figlio se lo riprendi(...nè in disparte nè in mezzo ad altri bambini)
per me umiliare un bimbo è altro...e cerco di non farlo per es mi metto sempre seduta a sgridarli oppure cerco sempre di essere alla loro altezza mentre parliamo perchè a non guardare tuo figlio negli occhi mi sembra di non passare bene il concetto....
ripeto ognuno conosce i suoi figli e sa come prenderlo quindi quello che va bene per te può non andare bene ad altri
l'importante è ottenere lo scopo, no?poi non è detto che nemmeno tra mamme si debba sempre essere della stessa idea
Torna in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Gestione dei capricci   Gio Mag 24, 2012 11:57 am

patata ha scritto:
no ela non sono d'accordo con te....perchè in questo sulla mia pelle ho visto che non sempre è sufficiente riempire il serbatoio d'amore per gestire il capriccio
non umili tuo figlio se lo riprendi(...nè in disparte nè in mezzo ad altri bambini)
per me umiliare un bimbo è altro...e cerco di non farlo per es mi metto sempre seduta a sgridarli oppure cerco sempre di essere alla loro altezza mentre parliamo perchè a non guardare tuo figlio negli occhi mi sembra di non passare bene il concetto....
ripeto ognuno conosce i suoi figli e sa come prenderlo quindi quello che va bene per te può non andare bene ad altri
l'importante è ottenere lo scopo, no?poi non è detto che nemmeno tra mamme si debba sempre essere della stessa idea

Ecco non so come non possiamo essere d'accordo se diciamo la stessa cosa...

Tu sgridi i tuoi figli senza umiliarli, quindi fai esattamente come ci ha detto la pedagogista!
E così, anche con la sgridata, riempi il loro serbatoio d'amore... mica si riempie solo con i sì e con le coccole...

Il problema è per quelli, o quelle volte (perchè capitano a tutti, siamo umani) in cui ti portano a un livello tale di esasperazione che tu non stai lì a pensare al serbatoio d'amore, al bisogno di attenzioni, alle eseigenze del bambino e sfoghi il tuo stress dicendo la frase e facendo un gesto che è solo una liberazione di rabbia per te e non ha alcuna funzione educativa per il bambino...

Poi su cosa sia umiliante e cosa no, su se sia giusto in assoluto dare sculacciate o non si debbano dare mai, su quello possiamo discutere, ma è un altro discorso...
Torna in alto Andare in basso
patata

avatar

Messaggi : 1414
Data d'iscrizione : 09.07.10
Età : 41

MessaggioTitolo: Re: Gestione dei capricci   Gio Mag 24, 2012 12:03 pm

ela ha scritto:
patata ha scritto:
no ela non sono d'accordo con te....perchè in questo sulla mia pelle ho visto che non sempre è sufficiente riempire il serbatoio d'amore per gestire il capriccio
non umili tuo figlio se lo riprendi(...nè in disparte nè in mezzo ad altri bambini)
per me umiliare un bimbo è altro...e cerco di non farlo per es mi metto sempre seduta a sgridarli oppure cerco sempre di essere alla loro altezza mentre parliamo perchè a non guardare tuo figlio negli occhi mi sembra di non passare bene il concetto....
ripeto ognuno conosce i suoi figli e sa come prenderlo quindi quello che va bene per te può non andare bene ad altri
l'importante è ottenere lo scopo, no?poi non è detto che nemmeno tra mamme si debba sempre essere della stessa idea

Ecco non so come non possiamo essere d'accordo se diciamo la stessa cosa...

Tu sgridi i tuoi figli senza umiliarli, quindi fai esattamente come ci ha detto la pedagogista!
E così, anche con la sgridata, riempi il loro serbatoio d'amore... mica si riempie solo con i sì e con le coccole...

Il problema è per quelli, o quelle volte (perchè capitano a tutti, siamo umani) in cui ti portano a un livello tale di esasperazione che tu non stai lì a pensare al serbatoio d'amore, al bisogno di attenzioni, alle eseigenze del bambino e sfoghi il tuo stress dicendo la frase e facendo un gesto che è solo una liberazione di rabbia per te e non ha alcuna funzione educativa per il bambino...
Poi su cosa sia umiliante e cosa no, su se sia giusto in assoluto dare sculacciate o non si debbano dare mai, su quello possiamo discutere, ma è un altro discorso...

messa così ho davvero capito meglio il tuo pdv...avevo frainteso!!!(soprattutto perchè mi è venuto in mente l'atteggiamento di una mamma del nido che gestisce sempre i capricci con le coccole e non ottiene mai niete dal bambino se non totale assenza di ascolto del bambino )
scusa sarà che stamattina faccio fatica a partire....di testa intendo, e meglio che mi dia una registrata altrimenti qui oggi combino poco niente
Torna in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Gestione dei capricci   Gio Mag 24, 2012 3:46 pm

ecco io sono più del "pensiero positivo" cerco di immedesimarmi in mio figlio, cercare di capire perchè parte il capriccio ecc
mio marito parte in 5 a sgridarlo e a sgridare anche me davanti a lui perchè secondo lui sbaglio...
io penso spesso "è un bambino" e cerco di capire i vari motivi e cerco anche di calmarlo, lui invece è duro...
Torna in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Gestione dei capricci   Gio Mag 24, 2012 4:28 pm

è il concetto che c'è in quel libro che aveva segnalato melissa...l'avevo letto ma da mettere in pratica un po difficile a volte, però ci provo!
Torna in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Gestione dei capricci   Gio Mag 24, 2012 6:11 pm

infatti non si dovrebbe mai dire ad un bambino che è stupido, ma al massimo che ha fatto una cosa stupida.
detto a lui è solo un'umiliazione.
invece la tecnica con Grazia è quella di lasciarla nel suo brodo. però non sempre ci riesco perchè l'homo non è di questo avviso e appena lei comincia a fare un capriccio corre da lei, la prende in braccio, e in quel caso questo tipo di coccole non sono la soluzione perchè lei ottiene quello che vuole e lo rifà appena può.
Torna in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Gestione dei capricci   

Torna in alto Andare in basso
 
Gestione dei capricci
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Capricci per dormire... chi ha esperienza?
» problema iscrizione gestione separata: ricevuta stampata "vuota"
» Dov'è Menù gestione domande?
» MAMMA IN PREDA AL PANICO DEI DUE TERRIBILI ANNI
» Software gestione libreria in rete per Sony UHP-H1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
MAMME NELL'ANIMA :: Soprattutto mamme :: L'esperienza insegna-
Vai verso: